AlternativA

In una mattinata dilapido decinaia di euri; parrucchiere e dentista. Il labbrone tumido non risponde agli stimoli, sturbato da una gelida anestesia. Ritorno a Milano con una certa levità , come quando doni il sangue…
Radio Italia propina una improbabile sequenza con i cori tribali di “Italiano Medio” e, subito dopo, l’ampio respiro di archi di “Rimmel”. Sono stordito, ma mi lascio ammansire dalla melodia. E il disagio fisico svanisce.
La magia della musica, capace di colpire le nostre corde senza chiedercelo, naturalmente.

Lavoro (quasi) sodo per il Quiz, con attenzione al sito I Channel e alla ineffabile scuola Corso.

Biglia Bianca: Lorenz e il Diretur, si ri-presentano spiritosi, ma volevano solo stringere le morbidose fragranze del nostro skyline-manager in partenza
Biglie Nera: Philip K. Dick, autore saccheggiato dal cinema fantascientifico come Wilde lo è dalla commedia e dal teatro leggero.

Annunci

CPE 1704 TKS

Il fine settimana trascorre innocuo, anche troppo.
Una birra con gli amici ed un aperitivo alla domenica, uno slancio
di originalità . Ma il cielo terso solleva il morale ed invita quasi ad imbracciare la bici.
Sorvolando sui mediocri risultati nerazzurri, lo spunto arriva da una pellicola datata ma sempre affascinante: lo WOPR dovrebbe lanciare
i missili una volta trovato il codice: WARGAMES, 1983.
M a n o n l o f a.
La questione che solleva, oltre il sorriso sull’archeologia informatica di 21 anni fa, è disarmante, nella sua semplicità .
Esistono dei “cimenti” che possono essere superati solo se non si viene coinvolti: il tris è un gioco inutile, perchè non ha vincitori.
Non una remissiva bandiera bianca, ma un messaggio sempre attuale.

Biglia bianca: Er Pupone che invita gli juventini a tornarsene a casa, zitti, con 4 pappine. Una mimica da Tati
Biglia nera: le polveri. Io e Fabiola scorrazziamo amabilmente in
Piemonte, a Magenta… luoghi ameni senza blocco. Ma lì com’è l’aria??

RECUPERO

Completamente affrancato da supposte e rimedi allopatici, ritorno al mio computer con una certa diffidenza.
La languida permanenza sul divano ha annichilito tutti i buoni propositi di nobili attività . Niente lettura o aggiornamento, ma solo una flebo di Sky lunga 5 giorni.
Senza soluzione di continuità .
Ecco allora una variopinta galleria di personaggi che ha affiancato la mia malattia e la convalescenza: Il Miglio Verde, Casinò, K-19, Best, About a Boy…
Fortuna che Fabiola si è fatta in quattro per essermi vicino, e capirmi!

Biglia Bianca: l’assicurazione della golf, che diminuisce finalmente!
Biglia Nera: Inter-Mobile, servizio che si permette (per motivi ancora inintelligibili) di restare fermo per 11 giorni

BACILLO

La vicinanza di elementi infetti alla fine è risultata determinante.
Raucedine, opacità ,tosse davvero importante e, quasi sicuramente, febbre. Infatti me ne torno all’ovile subito.L’indisposizione mi pesa non tanto per la lezione in dubbio
di domani alla Bocconi, quanto per la patetica prestazione al solito torneo dopo-pranzo

Biglia Bianca: finalmente Virgilio ha prodotto un report per rivoluzionare quello che ho iniziato a fare esattamente 8 anni fa. L’ho saputo da una cartelletta su una scrivania, incidentalmente.
Biglia Nera:l’open source che sembra “sembra un’oggetto interessante” solo quando propalato da qualcuno che conta davvero!

AbracadabrA

Devo pagare il bollo. L’economia domestica ha regole di una semplicita’ disarmante. E’ apodittico che le bollette vanno onorate, che l’ICI arriva finché non si alberghi sotto i ponti etc etc.
Nel mondo della corporate governance, invece, i confini sono più labili. Prima si cercavano di nascondere gli utili, per pagare meno tasse. Ora invece si cercano di occultare i debiti, per gabellare gli sprovveduti.
La finanza creativa era una promessa del nostro superministro, quello che è stato definito “esperto di paradisi fiscali”.
Dio come mi sento provinciale, quando vado in posta col mio bollettino.

Biglia bianca: interisti.org che mi allieta l’inizio di ogni giornata feriale
Biglia nera: lo stadio di San Siro. Siamo passati da “rettilineo” e “curva” a TRIBUNA D’ONORE EST CON/SENZA servizi e POLTRONCINE.

F0rmaz1onE

Mi preparo senza entusiasmo alla quarta edizione del Master FIFA, venerdì alla Bocconi. Quattro interminabili ore a smozzicare termini eleganti in un inglese stentato di fronte a una platea globalizzata e superficiale.
Ma anche un un punto per riflettere che dopodomani, inauguro il nono anno all’Inter. Sono cresciuto? Riesco a trasmettere loro qualcosa? La sensazione, a pelle, è che ci siano stimoli e voglia di divertirsi: newsletter x tutti gli inter-club e la pagina web della divisione eventi stadio in fieri.

Biglia Bianca: Fabiola che ha rinunciato a trovare stivali in saldo dopo: Scarpe Italiane (Trezzano), AEmmE (Trezzano), Le Orme (Cesano B.), Casa della Scarpa (Magenta), Centro Calzaturiero (Trecate), Shoes Shop (Trezzano) e altri due locali di cui non rammento la ragione sociale.
Biglia Nera: Jamo che, per una sbirciatina birichina di troppo, si è aperto la porta d’uscita del calzaturificio sulla crapa.

LammerdA e 34 GiornI

Provo io ad assentarmi per 34 giorni, lasciando vaghe indicazioni sulla mia situazione. Nessuno si chiede dove sono, nessuno sa. Situazione normale, in Italia?
La vexata quaestio la solleva Cristiano, nel mezzo di una cena bagnata da Vermentino e divagazioni, parliamo di tutto e di un problema serio. Nessuno si chiede dove sia il presidente del Consiglio per più di un mese… chi lo può fare?
Il vero spettacolo non è il jingle pietoso dell’EUR, ma le smorfie di Lisa (e della Vale) prima di addormentarsi…
la vita che si rinnova.
Schiavo dell’aperitivo, dopo uno scialbo pareggio, ricavo i miei 40 cm2 per smangiucchiare avanzi in un locale “tendenza” col resto della compagnia: Marco, Dona, Saby, G.. Rito tribale che si rinnova poggiando
solo sulla scarsa voglia di cucinare domenica sera. Fino a quando?

Biglia bianca: con Gigi e Miki vediamo “Natale in INdia”, una coraggiosa svolta nella rivalutazione della coprofagia e della coprofilia. era ora!
Biglia nera: Canal Jimmy che si ostina a trasmettere lo spettacolo di Dario Fo, interviene Dell’Utri e spegne tutto. Cosa pretendevano, questo premio Nobel COMUNISTA e questo canale tematico con addirittura il logo ROSSO??

RealE e VirtualE

Ti ritrovi stremato svaccato sul divano: può bastare un’ora di palestra per farti raggiungere
la pace dei sensi
e non hai nulla in più da pretendere da uno sciapo venerdì sera. L’ambiente è patinato all’Harbour club, tutti hanno in faccia l’aggettivo ‘esclusivo’, io escluso.
Propalare appartenenza elitaria, ho lo sciampoo del LIDL e non quello
energizzante, ma mi diverto come un pazzo sul tapis-roulant.
Con la mia maglietta “i love inter”… eppoi la doccia calda, catartica e rilassante.
Peccato per la spossatezza che assale la mente e il corpo; prevale la vacua
curiosità  di rimbambirsi sul 116… non è un numero di soccorso, ma il canale
SKY del grande fratello.
Biglia nera: all’ineffabile Berlusca: No al lifting di un governo ridicolo.
Biglia bianca: la maratona simpson in arrivo