pasqua in toscana

Cinque giorni per Pasqua, in un agriturismo verace. In mezzo a trattori e ulivi. Cani gatti di giorno, lumache di notte. Poco lusso ma tanta sostanza, a pochi chilometri da cecina. Avevamo tutto, anche un campetto di calcio giusto fuori la nostra veranda: un’erba invitante e un cielo azzurro sullo sfondo. Bordato da pioppi e cipressi.

Ti sforzi di non esser retorico, di esser freddo: mica sono un turista di Cleveland o di Lubecca.

E’ sempre italia, ma questi borghi di giorno e di notte trasmettono un’idea di storia, un senso di vissuto e di focolare. Un’armonia urbanistica che ci cattura anche se non siamo architetti, un senso della proporzione e della comunita che è da qualche parte, nascosta nel nostro animo.
Ma che aspetta di riemergere qua, al limite della maremma con la provincia di Livorno: Sassetta, Suvereto, Sasso Pisano, Massa Marittima, Montescudaio, Campiglia Marittima etc etc.

Come una pianta di appartamento che ributta all’inizio della primavera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...