Sottomissione – Michel Houellebecq

Proprio nei giorni di Bruxelles ho finito di leggere questo romanzo

Noioso per lunghi tratti, stimolante a sprazzi: di certo fa riflettere. Perché tratteggia un futuro possibile: il DECLINO verso una società  religiosa.

L’autore disegna bene l’indolenza di un uomo di mezza età  senza famiglia né ideali. Colto, riflessivo, apatico; laico ed indifferente; metropolitano quanto basta.

La vittima ideale per sottomettersi all’islam su un piano inclinato. Una storia sciapa di fantapolitica che però ha delle indubbie qualità : riassume le grandi trasformazioni sociologiche e demografiche in atto in alcune nazioni.

Illustra i fondamenti psicologici e pedagogici di una religione che – è il caso di ammetterlo, senza indugi – impone leggi mortificanti alle donne ammantandole di spiritualità  e sensibilità .

Velo, alcool, maiale,  traduzione della liturgia, spose bambine, poligamia, vita sociale preclusa alle donne, cibo hallal: tutto – per loro – ha una spiegazione storicamente giustificate; suadente, accattivante e persino nobile.

Ma io penso siano ingiustificabili limitazioni della libertà  personale.

Se il comunismo ha fallito, e l’individualismo liberale è ammalato di finanzite, la cura non è una società  islamica.

Quando una in una nazione islamica si accennerà  alla distinzione tra peccato e reato, ne riparleremo.

umano, troppo umano

Qualche giorno fa è ripartita la newsletter dell’Inter. Noi siamo protagonisti all’inizio e alla fine del workflow, nel senso che inseriamo i contenuti nel CMS, e siamo la destinazione finale dei link presenti nel testo del messaggio email che inviamo.

Nel mezzo, a curare il dispatching, un service inglese.

Ecco cosa capita: svegliarsi nel sonno alle 4 del mattino e ricordarsi che il nostro sistema era ancora funzionante: ha trovato un messaggio di “buon compleanno inter” da inviare… e lo ha fatto!

henry ford

Settimana a casa in malattia, per una sinusite trascurata sono finito al pronto soccorso.

Dopo la Liguria, anche il pronto soccorso è una cartina di tornasole sull’invecchiamento della popolazione.

Sono diventato saggio, e piacione. Metto da parte un po’ di citazioni per il rientro al lavoro.

 

There is one rule for the industrialist and that is: make the best quality goods possible at the lowest cost possible, paying the highest wages possible.

Coming together is a beginning; keeping together is progress; working together is success.

Don’t find fault, find a remedy.

Failure is simply the opportunity to begin again, this time more intelligently.

Whether you think you can, or you think you can’t – you’re right.

Anyone who stops learning is old, whether at twenty or eighty.  Anyone who keeps learning stays young.

Employers only handle the money – it is the customer who pays the wages.

Thinking is the hardest work there is, which is probably the reason so few engage in it.

The only real mistake is the one from which we learn nothing.

If I had asked people what they wanted, they would have said ‘faster horses.’

You can’t build a reputation on what you are going to do.

If there is any one secret of success, it lies in the ability to get the other person’s point of view and see things from that person’s angle as well as from your own.

Enthusiasm is the yeast that makes your hopes shine to the stars.

Vision without execution is just hallucination.

There is no man living who isn’t capable of doing more than he thinks he can do.

A business that makes nothing but money is a poor business.

I cannot discover that anyone knows enough to say what is and what is definitely not possible.

A business absolutely devoted to service will have only one worry about profits.  They will be embarrassingly large.

You don’t have to hold a position in order to be a leader.

Quality means doing it right when no one is looking.

To do more for the world than the world does for you – that is success.

il tempo dei record.

Diciamolo con chiarezza. Dal 1880 in poi non abbiamo avuto un anno più caldo del 2015.

Da inizio ottobre al 3 gennaio 2016 non è mai piovuto seriamente in pianura.

Questo fottuto mese di febbraio l’ho passato metà  con una tosse terribile, e quindi, dopo la cura antibiotica, con un raffreddore potentissimo.

Ho preso più aspirine a febbraio 2016 che nel resto della mia vita.

Voltiamo pagina. Voltiamo mese.

Sorridiamo pensando ad un altro splendido attore e caratterista che se n’è andato.

31738484.LeslieNielsenandGeorgePappard