in memoriam Brittany

Il punto è:  siamo o no padroni della nostra vita? Siamo solo ‘inquilini’ di un corpo donatoci da Dio? Io ho il diritto di imporre i miei dogmi a chi non  la pensa come me?

Alla base c’è il dramma umano di Brittany, su cui tutti dovremmo tacere.

Almeno un argomento serio e pratico, invece della riforma costituzionale, della riforma del senato, dell’Italicum o dei giudici della consulta.

«Non c’è ricchezza migliore della salute del corpo
e non c’è contentezza al di sopra della gioia del cuore.
Meglio la morte che una vita amara,
il riposo eterno che una malattia cronica».
[Siracide 30,16-17]