the ultimate html textarea WYSIWYG editor

Dopo decine di prove e di sacramenti, ho finalmente trovato la soluzione finale.

Si tratta di CKEditor, l’evoluzione di FCK.
Ha diversi punti a suo favore: le shortcut, una personalizzazione semplice, una vasta documentazione. Anche il problema degli script e degli eventi mischiati al testo possono semplicemente essere aggirati usando queste modifiche a config.js

Si può anche usare con Ipad e localizzare in tutta libertà  per le varie lingue. L’obiettivo è usare sempre questo, per tutte le lingue. Anche per gli ideogrammi e la scrittura RTL

If you want to disable Advanced Content Filter, set CKEDITOR.config.allowedContent to `true`. All available editor features will be activated and input data will not be filtered.

    // Set the most common block elements.
config.format_tags = ‘p;h1;h3;h4;pre’;

// Simplify the dialog windows.
config.removeDialogTabs = ‘image:advanced;link:advanced’;

config.allowedContent = true;

una galleria instagram basata su un hashtag

Utilizzando php e la classe apposita il tempo di sviluppo sì è ridotto all’osso. E’ bastato creare un’applicazione instagram,  e istanziarla, ritornare  un array e scegliere un’immagine casuale da visualizzare in un frame un po’ personalizzato. Tutto liscio come l’olio

il risultato è visibile a questo indirizzo.

ne scrivo qua, visto che la cosa probabilmente non vedrà  mai la luce, visto il limite di 5000 richieste per ora.

Qua la soluzione che ho bellamente copiato

require_once 'instagram.class.php';

// Initialize class with client_id
// Register at http://instagram.com/developer/ and replace client_id with your own
$instagram = new Instagram(‘9c5651b617284573951303d34fb44b05’);

// Set keyword for #hashtag
$tag = ‘interaroundtheworld’;

// Get latest photos according to #hashtag keyword
$media = $instagram->getTagMedia($tag);

// Set number of photos to show
$limit = 20;
$rand = rand(1, $limit);
$counter=0;

// Set height and width for photos
$size = ‘280’;
foreach(array_slice($media->data, 0, $limit) as $data)
{
// Show photo
$counter++;
if ($counter == $rand)
{echo ‘blah blah’; }
}

un mondo una parola.

per il mio compleanno, sono stati bei regali

sultry:  very hot and humid.;attractive in a way that suggests or causes feelings of sexual desire

la scoperta, ormai tardiva, di un altro genio della fantascenza:  Robert Heinlein

Within the framework of his science fiction stories, Heinlein repeatedly addressed certain social themes: the importance of individual liberty and self-reliance, the obligation individuals owe to their societies, the influence of organized religion on culture and government, and the tendency of society to repress nonconformist thought. He also speculated on the influence of space travel on human cultural practices.

il senso del papa pop per la famiglia

Filippo Facci incarna quel tipo di destra moderna, laica liberale che manca tantissimo. Ecco, l’ho detto.

Va bene tutto, ma se il Papa si scaglia contro «le coppie sposate che preferiscono cani e gatti ai figli» diventa difficile trattenere la penna. La ragione è chiara: non è che tante coppie preferiscono cani e gatti ai figli, è che non riescono ad avere figli e allora prendono cani e gatti. E non riescono ad avere figli, spesso, per via di una legge che proibisce la fecondazione eterologa come proprio la Chiesa ha fortissimamente raccomandato. Quindi è una crudeltà  doppia, quella del Papa: perché accentua il senso di colpa di chi non è riuscito ad avere figli – perché non è ricorso all’eterologa – e poi, sventurato, si ritrova anche colpevole di essersi comprato un cane. Può anche darsi che esistano coppie indecise tra un figlio e un labrador, non so, io non ne ho mai conosciute: «Forse è più comodo avere un cagnolino, due gatti, e l’amore va ai due gatti e al cagnolino», ha detto il Papa, «ma alla fine questo matrimonio arriva alla vecchiaia in solitudine». Sarà , ma mi permetto di prospettare che l’amore per gli animali e l’amore per gli esseri umani possano addirittura coesistere: tra l’altro lo predicava un tizio, Francesco pure lui, che di figli non ne ebbe. Poi certo, esiste il problema della vecchiaia in solitudine: ma tanti di quei quei vecchietti che pascolano ai giardinetti col cagnolino – orridi Dudù – spesso hanno sì la vecchiaia, hanno sì la solitudine: ma hanno pure i figli.

 

http://www.liberoquotidiano.it/news/libero-pensiero/11627959/Figli-da-compagnia.html

tornavento

10413975_651105891636162_1676999490_nA volte la luce giusta rappresenta al meglio lo stato d’animo corrispondente. Ecco un ponte del 2 giugno con il cielo volubile, ma basta trovare la colonna sonora giusta per staccare completamente.

Maggio-Giugno sono mesi meravigliosi, luce, e caldo sopportabile. Si può essere intraprendenti e programmare i finesettimana: notte bianca, circolo Gingia, club ‘al 4 di via torre’.

Quest’ultimo caso è significativo: un posto bellissimo, stimolante e incredibile che si ignora bellamente passandoci accanto in auto.

Poi c’è il paesaggio. Antalgico e evocativo.

Sto parlando di Tornavento, 15 minuti da casa. Peccato per la rumenta abbandonata, diseducativa per un bimbo di quasi 4 anni.  Ma basta un cellulare per immortalare un istante di pace, in un ponte