petricore

A volte è piacevole, a volte però è il primo presagio di qualcosa di tragico. Anche Katrina è arrivata dopo il petricore.

Qui c’è un clima di disarmante incertezza; non si sa nemmeno se si è superato il punto di non ritorno. Una nuova fase, il sole dell’avvenire bla bla… ma nulla è ancora deciso; anzi: la parola chiave è garanzie bancarie.

Chi aspetta le mosse, chi sa che dovrà  partire, chi non sa ancora quando arriverà .

Petricore
Cinquant’anni fa i chimici australiani Isabel Bear e R. G. Thomas provarono a scoprire quali fossero le cause del profumo della pioggia facendo seccare dell’argilla, ed estraendo gli oli trovati al suo interno. Identificarono una sostanza giallastra che aveva un odore che ricordava quello della pioggia. Bear e Thomas idearono anche la parola “petricore” per indicare il profumo di pioggia: deriva dal greco, dall’unione delle parole πέτρᾱ (“pietra”) e ἰχώρ (“icore”, cioè linfa).

the indonesian job

Tre giorni di riunioni con lo staff indonesiano di Mahaka. Prima una controversa conference call con l’indonesia – con audio pessimo – poi una ottima chiamata skype. Nuovi colleghi da conoscere e nuove sfide da abbracciare. Tanto lavoro da fare, e perlomeno questo significa avere una prospettiva a medio-lungo termine. Una novità .

La complessità  aumente, ma la sfida di abbracciare un media-plan intercontinentale con 5 ore di fuso orario è coinvolgente.

 

due parole su precariato e flessibilità

 

 

Questo studio circostanziato smentisce un connubio diabolico: quello tra flessibilità  ed occupazione. Purtroppo ne ha parlato solo il fatto quotidianoGli insuccessi nella liberalizzazione del lavoro a termine | Economia e Politica 2014-05-17 14-23-15

In conclusione, lo studio della relazione tra normative sul lavoro e occupazione mostra che l’aumento della flessibilità  del mercato del lavoro non favorisce la riduzione della disoccupazione. E altrettanto dicasi per gli interventi normativi specifici che riguardano i contratti a tempo determinato. Insomma, vi è evidenza empirica a sufficienza per chiarire che le riforme del mercato del lavoro nel senso della flessibilità  abbiano fallito nel perseguire la crescita occupazionale. Non si comprende, quindi perché l’Italia e l’Europa dovrebbero continuare lungo una strada che ha ampi costi sociali. – See more at: http://www.economiaepolitica.it/index.php/lavoro-e-sindacato/gli-insuccessi-nella-liberalizzazione-del-lavoro-a-termine/#.U3dRjy9hbPp

tanti auguri JZ4

Io e te siamo all’Inter dallo stesso anno, però nessuno mi ringrazierà  né festeggerà . Quindi per celebrare in modo surreale questa affinità  ho scelto  di mettere online una pagina su  inter.it che non vedrà  nessuno, a parte i 25 manzoniani lettori di questo blog.

Il link è questo

Si tratta di un box stilizzato come un quadrotto inter. Ho codificato un video in 4 formati come vuole il Video 4 Everybody generator

Infine, con un azione di jquery si sostituisce al click il codice video.

yahoo pipes e la manipolazione dei feed xml

Amate, rispettate la donna. Non cercate in essa solamente un conforto, ma una forza, una ispirazione, un raddoppiamento delle vostre facoltà  intellettuali e morali. (G.Mazzini)

Spesso un intero mondo ti si spalanca di fronte con noncuranza, e non è solo serendipità . L’ispirazione a volte è inaspettata, a fronte di problemi che non ti saresti mai posto.
Uno dei formati più comuni per scambiare dati tra siti (server) diversi è RSS. Il codice strutturale  con cui sono scritti questi file di scambio è l’XML.

Il problema era, avendo un feed RSS proveniente da un blog, ottenere una lista di articoli (post, commenti, video, immagini, titoli etc) e invertirne l’ordine di visualizzazione: da LIFO a FIFO (first-in-first out).  Sostanzialmente, quando la mission di un blog è chiusa per sempre, mostrarne i contenuti dal più vecchio al più recente. Sembra strano ma è una banale personalizzazione di visualizzazione che i vari blogger e blogspot non offrono.

Strumenti come questo  aiutano a formattare i feed ma lasciano un processo incompleto e sostanzialmente passivo.

Allora mi sono incaponito e, al solito, ho scoperto che altri disadattati avevano già  fronteggiato lo stesso problema. Questo post interlocutorio illustra un paio  escamotage.

Ma soprattutto dà  l’abbrivio a Yahoo Pipes, un potentissimo strumento di manipolazione, filtraggio, selezione, combinazione di contenuti XML comunque derivanti dalla rete.capture_07052014_174517  Se non si vuole ricorrere a Xerces per Perl o le librerie XML per php,  si può fare tutto online e avere già  pubblicati i risultati.

 

 

 

vujadin boskov

Una settimana funestata da ultras fascistoidi con improbabili  nomi d’arte e incidenti allo stadio. Meglio zittirli così

“Se uomo ama donna più di birra gelata davanti a TV con finale di Champions, forse vero amore, ma non vero uomo”