la ricetta tecnica

La stagione sciistica inizia mentre salgo in montagna, e i valdostani purtroppo non brillano per zelo. Corso Ramey a Champoluc era un pastone di neve e ghiaccio, nonostante sia l’arteria piu’ importante dell’alta valle e sia stato bloccato per mesi per ripavimentazione (ma non doveva avere la soletta termica e ripulirsi da solo?)

Certo fa impressione vedere piazza Mercato (tradizionale parcheggio per gli sciatori), il giorno di Sant’Ambrogio, con sole 5 macchine parcheggiate. 5 macchine.
Ho anticipato il rientro a casa perche’ le precipitazioni non accennavano a smettere; volevo poi capire bene quale stangata ci aspetta per l’anno prossimo. Approfittando del clima festivo e del post-sbornia per le dimissioni di Papi, infatti, si stanno avallando delle bastonate per niente piacevoli. Ma soprattutto per niente eque.

Gramellini riassume perfettamente la situazione

«Bisogna prendere il denaro dove si trova: presso i poveri. Hanno poco, ma sono in tanti».