07/01/07 password obsolete

Tutti i giorni, da oltre 5 anni a questa parte, digito una password d’accesso ssh inintelligibile: sono le iniziali, mischiate a segni di interpunzione e numeri, di una frase che invitava due colleghi particolamente nocivi, a levarsi dalle palle… pel bene mio e della società  per cui lavoro.

Da oggi quella frasetta ha finalmente raggiunto il suo scopo, come un perfido mantra ripetuto mentalmente giorno dopo giorno, migliaia di volte, silenzionamente. Una macumba telepatica (condivisa come un velenoso segreto con corra e fabulus) che ha sortito alfine il suo effetto.

gutta cavat lapidem