cordiali vaffa@

Sopravvissuto al sabba nevrotico dei regali, ammanto la giornata di sano spirito natalizio regalando un pensiero a

1) Al Furmigun. Da mesi a Milano, specialmente d’inverno, si respira merda ma Formigoni e i suoi assessori dell’ambiente nicchiano. Niente targhe alterne.
Ogni giorno di targhe alterne costa 75mila euro ai commercianti, e sotto natale, si sa, non sta bene. Meglio «Sostanziale potenziamento del trasporto pubblico, incentivi alla sostituzione dei veicoli e delle caldaie più inquinanti, rafforzamento dei controlli». Vale a dire, calembour permettendo: aria fritta e si rinvia alle calende greche

2) al governo Prodi. Una finanziaria, se la notizia è vera, si può accorpare stanando una camarilla di evasori. E ce ne sono davvero tanti. Ma la lotta all’evasione non doveva essere una priorità ? E’ troppo di sinistra?

Ha ragione Cornacchione, ha ridicolizzato la manifestazione del Polo del 2 dicembre in Piazza San Giovanni con uno striscione strepitoso: E adesso Tassateci Tutti

3) A Letizia Moratti.
Il medievale, splendido Palazzo della Ragione con il ricordo ai caduti della Grande Guerra è assediato da bancarelle di ogni sorta, salami e torroni. Un tentativo sbracato, da strapaese, di emulare i mercatini di Monaco e Tirolo.
In più… siamo in corsa per l’EXPO 2015. Contro chi? Barcellona, Rotterdam? SMIRNE!

ah, dimenticavo, in compenso la MilanodaBere si fregia dell’Hotel a 7 stelle