La lunga storia dell’Inquisizione

Franco Cardini e Marina Montesano raccontano come la storia della Chiesa sia stata per due millenni il midollo spinale della storia culturale e spirituale dell’Europa.

Libro decisamente interessante e completo (Città  Nuova, 185 pag.) illustra gli errori commessi nel perseguire i presunti eretici. La crociata degli Albigesi, il processo ai Templari, a Giovanna d’Arco, a Tommaso Campanella, Galileo e Giordano Bruno: personalità  possenti da inquadrare nel loro contesto e non giudicare con lo spirito del XXI secolo.
Un saggio storico che sovverte diversi stereotipi, davvero soddisfacente.

La frase memorabile: non pœna, sed causa martyrem facit

coincidenza che confonde

Ho giubilato la mia indisposizione vedendo Mission Impossibile III.
Magia del cinema: Tom Cruise partecipa a una festa in Vaticano. I fastosi interni non sono in realtà  dello stato pontificio, ma della Reggia di Caserta. Gli esterni, invece (Tevere, Isola Tiberina, mura Leonine, Il Palazzaccio) sono quelli de Roma original.

A primavera, nel giro di tre settimane, sono stato in vacanza sia a Roma che a Caserta. Il montaggio del film ha confuso la mia mente in un modo strabiliante!

crucci da re-inserimento

Qualche linea di febbre, faringite, tosse e raffreddore. Malanni fastidiosi condivisi con la moglie, notti un po’ tribolate.
Vorrei la tenacia e la forza d’animo per sopportare tutte le magagne saltate fuori nelle due settimane caduteci addosso, nebbia-pioggia e freddo, a rientro dal mare… in particolare:
– rottura dela serratura della portiera
– telefonino in “riparazione softuer”
– decoder e cablaggio satellitare da rifare in mansarda
– frontalino autoradio da sostituire
– centralina allarme con combinatore telefonico defunta

Sono boiate, non frega a nessuno… ma le esorcizzo almeno elencandole!

fil-8

Giornata limpidissima; mattinata in auto: road-rage per raggiungere Milano; traffic jam anche alle 11 di mattina! Mi consolo con una sessione di shopping.

In serata un altra vittoria pesante: gli unici crucci, oltre a un server un po’ imballato, sono legati alla nuova disposizione intorno alla nuova mega-tv.
Si festeggia una serie positiva, e per caso trovo anche
una pagina interessantissima di Eurosport.com contenente un mare di informazioni utili e gratuite. E, di sovrammercato, un’ottima integrazione di flash e dhtml

due telenovele

Aspetto che termini una pirotecnica puntata di Lost (II serie) per dedicarmi a una novela ben più stantia e stucchevole, l’aggiornamento dell’organigramma del sitone.

Dreamweaver da casa… essì che proprio oggi fabulus si era industriato per cambiare la politica… che coincidenza!

Se non fosse una serie così interessante… sarei entrato subito in camera caritatis, ma vabbè… stavolta almeno le modifiche erano addirittura 8. Domattina qualcuno leggerà  con interesse l’ennesima catarsi del principe di Salina: tutto cambia perché…

respirate ora

Vivere in Lombardia è bello perché tutto è organizzato.

Dai commercianti.

Anche se piove per due giorni e quindi la morsa dell’inquinamento si è attenuata, ti appioppano comunque il blocco del traffico. Ora e subito, perché poi arriva Natale.

Respirate ora, perché a Dicembre dovrete comprare, e muovervi in auto.

qui è là

Qui, stamattina, pigiato sul treno collassato per lo sciopero, non riuscivo neppure a leggere: ho ammirato il panorama. Da Varese a Milano si apprezza Rho. Le cisterne delle raffinerie la abbracciano a ovest come una collana di perle; ad est i cantieri dell’alta velocità  sfumano soavi in una teoria uniforme di capannoni: alcuni chiusi, altri sgarrupati, tutti di un grigio umido e sudicio.
Ecco gli scavi, i detriti e il fango degli interminabili svincoli per la nuova Fiera: camion, ponteggi e asfalto. Posato e da posare. Sboccia dalla nebbia, non già  pioggia, ieratica la sagoma di Milano: Terrazzano, Certosa e il suo cimitero maggiore, sobrio skyline di marmi in un contesto di fatiscenti edifici-cubo anni ’50.

Là , invece una settimana fa, assorbivo colori diversi. La baia su cui s’affacciava la suite (anse Gaulette) è di una bellezza straziante e selvaggia. Colori e nuances continuamente cangianti, e un senso di fatale primordiale armonia con la natura. Che fosse una figata, e che tutta questa nostalgia non si liquidi con il solito trauma da rientro, lo testimonia quest’immagine che ho trovato.

La telecom delle seychelles ha questa pubblicità  in giro: tra tutti gli scorci meravigliosi hanno scelto quello sotto il mio albergo. Non i polmoni rosa della tipa o il berlusconiano sorriso di plastica del tipo: focalizzare la baia primitiva sullo sfondo, e l’invidiabile “noi eravamo qui”

cable_wireless.jpg

niente di nuovo

Un tifoso ci scrive dicendo che, in piena mattinata, l’unica notizia presente sul sitone (peraltro accessibile solo dopo un pruriginoso interstitial) riguarda il settore giovanile. Datevi una mossa – si lamenta. E porta ad esempio il sito del Milan.

Controllo il tutto, e cosa ti trovo? La stessa panoramica sul settore giovanile. Solo che, loro, sicuramente, non evidenziano l’argomento con le nostre stesse motivazioni 🙂

the simple life

In stazione e in San babila molti lombardi hanno gli occhiali da sole.
Dopo due settimane nel paradiso terrestre, è la prima cosa che ho notato.
Ripiombato nella nebbia, nell’autunno, nel traffico delle polveri sottili, quegli occhiali da sole sono uno slancio inaspettato che fa un po’ tenerezza.

La vita a colori è purtroppo altrove