già cassato il possibile 14° scudetto ai nerazzurri

dura lex, sed lex

C’è chi sceglieva i direttori di gara, chi si portava avanti espellendo i futuri avversari della Juve, chi ammoniva i guardalinee, chi prometteva trapianti di capelli per arbitraggi compiacenti, chi minacciava ritorsioni di ZioFesterGalliani, che era esasperato.

La nostra onta è Recoba, giocatore sempre determinante e decisivo. Fisicamente tetragono, caratterialmente teutonico, è l’uomo giusto al momento giusto: da Helsinborgs passando per Basilea, Parma in coppa Italia, Siena, Ruch Chorzow e Livorno.
Quando c’è una goleada contro una squadra insignificante, lui segna.
Ha falsato intere stagioni, con le sue prestigiose pirotecniche entusiasmanti prestazioni che tanto hanno arricchito il palmares di palazzo Durini. Peccato fosse un immigrato.

Il suo passaporto era falso, quindi l’Inter non è poi così diversa da GGiuve e Bilan. Lapidiamolo, e poi spargiamo le sue ceneri sull’Idroscalo: c’era chi per anni ha comprato arbitri e guardalinee, ma comprare, una volta, una marca da bollo falsa è altrettanto infamante.

Gli unici davvero contenti per i mondiali erano gli interisti… l’emozione di girovagare strombazzando col clacson… peccato

2 Replies to “già cassato il possibile 14° scudetto ai nerazzurri”

  1. Sti cazzi!
    Quoto in toto!
    Ci sarebbe da parlare anche di molte cose poco limpide, ma al momento ho il dente troppo avvelenato.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.