la cina, gli USA e la democrazia

I cinesi si sono incazzati; verrebbe da dire “da che pulpito”.
Stanchi di essere additati come pervicaci oppressori, sono anche stanchi di essere menzionati in faccende di violazione degli elementari diritti umani. Ora fanno le pulci a chi si erge a giudice di libertà  nel mondo intero. Un paginone di Repubblica di ieri mi ha proprio rapito.
Alcuni stralci:

About 31,000 Americans are killed and 75,000 wounded by firearms each year, which means more than 80 people are shot dead each day.


The United States claims to be “a paragon of democracy,” but American democracy is manipulated by the rich and malpractices are common.

California has seen only one college but 21 new prisons built since 1984.


Despite tons of problems in its own human rights, the United States continues to stick to its belligerent stance, wantonly trample on the sovereignty of other countries, and constantly stage tragedies of human rights infringement in the world.

Se la Cina, patria del partito unico e delle esecuzioni capitali, comincia a fare la voce grossa non ci sono più dubbi: si avvia a dominare il mondo.
Un succoso articolo da leggere *fino in fondo*
I diritti umani negli Stati Uniti, rapporto 2004