Rito tribale

“Guarda che non ci stavo provando con tua moglie”.
L’uscita, altrimenti fulminante, va contestualizzata. La profferisce un
tale “Cravatta” rosso-crinito, dopo aver partecipato attivamente ad
un tourbillon di 5 grolle. Una cerimonia con un oggetto in transito, come una canna od un calumet, e 14 persone amabilmente alticce, nel cuore della Brianza. E Cravatta è un personaggio alla Tati. Mimica e genuinità : ci sorrido e tutto si inquadra in una sera gelida pungente. In trasferta.
Eloquente, poi, il casting dei figuranti :Cravatta, Bistecca, Tranfo, Bonza, Ambrà¶s, Luca, G…
La domenica è più mite, ma nella mia testa rimbomba la bisboccia e l’emicrania
vindice degli abusi sul ciclo di Krebs.

Biglia Bianca: la libreria è in arrivo; ieri l’acconto per l’acquisto.
Biglia Nera: il ritorno a casa, da Carate Brianza, con frequenti accostamenti per far scendere “chi va troppo in la’ e ci va di brutto”. Povero Bistek!
Vexata Quaestio: perché (n-1) persone sbronze si ergono a medici curanti nei confronti dell’unico pirla che dà  di stomaco?

Rimonta

Quando gioca l’Inter e non lavoro, si consuma un grottesco teatrino di separati in casa. Io e Fabiola ceniamo come una coppia comune, si discute di mobili (la nuova libreria per la mansarda è in arrivo) e di neve ventura.
Di palestra e delle prossime vacanze. Poi l’alchimia: come agenti della Digos o membri di un corpo di ballo con un compito destinato, raggiungiamo i nostri interessi. Ognuno per la propria strada. Il calcio la infastidisce.
Io, oltre ad interessi professionali, rispolvero imperitura la stessa passione adolescenziale. Peccato che questi slanci siano leniti mollemente da mediocri interpreti: veniamo nuovamente rimontati. E il portiere, come con Parma, Udinese e Juve, ci lascia il segno.

Biglia bianca: L’Inter Quiz ha preso piede; una soddisfazione vedere che partecipano anche nel cuore della notte! Ora lo si perfeziona…
Biglia nera: stasera ci tocca “bucare” una festa di compleanno per una cena coi suoceri; l’invito più interessante arriva sempre all’ultimo.
Vexata Quaestio: cosa induce innumerevoli 50enni a imbrattarsi la chioma di un imbarazzante color prugna-rame?

Il segno dei quattro

Il pomeriggio (ieri) scorre nervoso alla ricerca, nel nastro della videosorveglianza, del responsabile di un furto. Due cellulari ed un portafogli sottratti a un collega spesso obnubilato dalle libagioni e dalla nemesi del metabolismo postprandiale.
Una curiosità  morbosa anima molte persone, rapite da quelle immagini nebbiose e sobbalzanti. Folla nella sala internet, nell’affannoso tentativo di risolvere il giallo. Forse una donna. L’affare si ingrossa.
Pomeriggio nel mistero, ma conclusione motivante: Milly (imbarazzante la sua somiglianza con la pixelata sospetta del delitto) rilancia un “tiriamo le somme” per il Muro 2. Merc. prossimo.
L’Inter Quiz è in linea, ma con risultati soft. Solo 9 pronostici nella prima mezz’ora 😦

Biglia Nera: bottiglie di vernice contro i ristoranti dei VIP; nel clamore dei media diventano bombe carta. La violenza va evitata proprio contro chi trovi odioso.
Biglia Bianca: Carlo Verdone. Tiene in mano il mio sorriso, al cinema, con la sua inimitabile mimica. Anche quando l’immersione è talvolta scontata ma sempre agrodolce, nella ritrita crisi della coppia.

Tirare le somme

Dopo giornate frammentate e sacramenti vari, Inter Quiz e il Forum stanno per essere “rilasciati”. Dopo la galleria degli highlights, un altro servizio per la community che diventa disponibile. Chissà  che casini… anche
se il Muro resta ancora in cima alla wish list dei nostri utenti.
A piccoli passi; c’è anche la divisione eventi e Academy.

Biglia Bianca: Leo si è ripreso alla grande. E’ corroborante vederlo già  al mattino, con quel suo umorismo alla Tati che scade talvolta nel grossolano. Oggi abbiamo anche pranzato insieme. Una marcia in più
Biglia Nera: Assinform e multinazionali di consulenza illustrano un 2003 di grande crisi per l’informatica. Malta, Malesia, Estonia e Israele hanno settori con
crescita maggiore. Investimenti tagliati e posti persi, ma tutto è offuscato dal
boom dei telefonini

‘l Magnan

Neve spruzzata di rosso che ora viene assediata da una pioggia gelata;
la passeggiata romantica con Fabiola fino in piazza viene infastidita
da automobilisti ineducati che sfrecciano sulle paludi.
Nella serata ritrovo, dispersa nei ricordi, una ballata folkloristica
che avrò sentito quante volte: “dòn ghe chì ‘l magnan c’al ga và¶ia de
laà¼rà “. Lui e le sue pignatte da sistemare!
A TeleLombardia c’era la padella da record di Ossona: oltre
200 porzioni di cassà¶eula servite per entrare nel Guinness. E una
canzone ipnotica, che i nonni mi avranno propinato chssà  quante volte.

In serata una pizza (sotto il diluvio) con Vale, Cri, Marco, Dona e Giulano.
Il piatto forte è il derby di Milano, purtroppo.
Ma ci consoliamo con la vitalità  della piccola Lisa; le foto a seguire!

Biglia Bianca: il sabato innevato mi stimola a trovare angoli suggestivi
nella realtà  di tutti i giorni; la macchina digitale incombe
Biglia Nera: l’Inter dà  l’ennesima delusione; non oso sbirciare
quegli spocchiosi di Milan Channel

collage.jpg

Soffice Torpore

Viaggiamo ostaggi delle ferrovie dello stato. Il traffico è difficoltoso, ma il fascino della neve, oggi ancora più copiosa, è irresistibile.
Anche perché Milano ne è priva.


casorezzo-2.jpg


strada-2.jpg


dallastrada-2.jpg


balcone-19-2-2004-2.jpg

Riverbero

La notte si conclude con un sorriso: Gigi, Michela, Giuliano e Sabina ci raggiungono per vedere `le Barzellette`; facciamo un po’ tardi. Al risveglio un presagio -gradevole- si concretizza. Un riflesso azzurrino dalle persiane annunciava la neve; Radio24 alle 7.30 parlava però ancora di “precipitazioni nevose possibili”.
Neve fitta, impugno la macchina digitale e documento.
Porto Fabiola al lavoro, ma un ingorgo terribile la costringe a percorrere l’ultimo Km a piedi.
Produttività  al lavoro, e 8 anni di Inter riassunti al “collega” Ing. Scorza

Biglia Nera: al Dorian Gray che avalla la moralità  di chi evade le tasse
Biglia Bianca: la caldaia è ok; rinnovo la copertura. Ma brucio 100 E in pochi minuti di controllo. 13 E a pranzo. Alla faccia del carovita…

Quello che Resta

Io per il dentista, Fabiola per una piccola indisposizione: ci riappropriamo di un giorno feriale con occhi nuovi. Shopping, ciurlare nel manico, parcheggiare, passeggiare nel parco o farsi una vasca.
Tutto senza la grande massa: solo anziani e puerpere. Poco traffico, spaesati.
Ma è solo la moneta di un giorno feriale: pranzare a casa, svaccarsi soi Simpson pomeridiani. Dai tempi dell’università  non capitava nulla di così straordinariamente banale. Con in più mia moglie a fianco.
E per una volta il tempo insieme non è quello ciucciato, svuotato, tritato e sputato dopo il bailamme di Milano: è quello vitale e presente che ci appartiene.

Biglia Bianca: l’assicurazione auto che ci omaggia, 18 mesi dopo, dei 4640 euri derivanti da una causa per incidente vinta al 100%. Champagne!
Biglia Nera: seconda anestesia e seconda trapanata in una settimana. Mi indispone il contatto asettico col dolore.

Fumo Amico

Festeggio godibilmente, in pubblico e in privato, San Valentino.
Altra occasione per realizzare come i locali pubblici abbiano di molto semplificato
la loro contabilità , passando all’euro.
Ma il finesettimana è molto più pulp: il portatile Mac rischia di bruciare cercando di avviare il flusso di streaming per la radiocronaca web; una sala della secolare sede si riempie di fumo acre e penetrante. Salvato in extremis!
Più che l’amore, un finesettimana incentrato sulla mafia: mi documento sul “Massacro di San Valentino”. Il colpo fatale lo assesta “Studio Universal”, offrendo 7 (sette) ore di “La saga del Padrino”, edizione non censurata e rimontata dei primi due episodi della trilogia. La seguo dalle 19.00 alle 1e30, con ininterrotto interesse, sempre affascinato dal labile confine tra legalità  e delitto.

Biglia Bianca: Bonolis finge di chiamare in diretta l’arbitro Pellegrino, risponde invece la segreteria con un sottofondo “forza Juve”
Biglia Nera: il cinismo dei media sul dramma di Pantani; rovistano tra i dettagli ora mediocri di una vita già  svuotata

Rincorsa

Ieri in palestra 4Km e mezzo in 28 minuti. Non male.
Molto meglio il tassista che mi riaccompagna nottetempo alla macchina; si incazza e prende dei semafori rossi imbarazzanti.
La sfiga mi assiste benevola, servendomi un incontro con supplementari e rigori.
In sede per 12 ore e passa. Le ultime 5, poi, completamente solo.
Vergavo senza soluzione di continuità  “Il mattino ha l’oro in bocca”.

Biglia Bianca: la Juventus. Ritorna alla grande con “Chissà  perché non capitano tutte a me
Biglia Nera: Jamo che becca un rosso clamoroso in via fze armate, nel pieno della notte. Dall’altra parte una volante della polizia.