Benito “Veleno” Lorenzi

Io ho vissuto parte della storia in diretta, la storia in bocca ai protagonisti. La storia di prima mano.

Quando arrivavi in sede all’Inter era sempre un evento. Eri pirotecnico, carico di battute, proverbi e aneddoti. Quante volte abbiam rivissuto con te la storia del limone! Ci rallegravi, ci criticavi e ci irridevi. Non sapevamo come rispondere, consci che ci avresti fulminato. Allora siamo stati zitti e ti abbiamo dedicato un server: veleno.

Ora la storia ricomincia da te https://110.inter.it/benito-lorenzi-it/

 

Propriocezione

Eccoci qua quasi 14 anni dopo. A imparare la spazialità del proprio corpo e del proprio spirito: immaginiamo il nostro movimento,  evitando di farci male

Mayda – Norimberga. Processo al Terzo Reich

Un libro ben scritto. Coinvolgente, asciutto e tragico.

Nullum crimen, nulla poena sine lege

Sai già  come andrà  a finire ma il narratore sa come interessarti, quando divagare, quando approfondire i profilo dei protagonisti parlando della loro infanzia, dei loro sogni prima di precipitare nel baratro della barbarie nazionalsocialista.

Ripercorrere i capi d’accusa, lo svolgimento del processo è terribile, angosciante. Pieno di spunti ominosi per i gerarchi. Affascinante perché esplora crimini mai commessi,  addirittura godibile perché introduce all’eristica. Cioé la sottile lotta per fare che la propria dialettica prevalga in una battagia dibattimentale. Un libro da leggere, che non lascia indifferenti.

 

 

quante volte, fratello?

Adesso sta per uscire pure l’app. Tutti i sistemi di registrazione sono, volenti o nolenti centralizzati sull’indirizzo email. Wechat espleta la validazione di una registrazione in un modo all’avanguardia. Ma il bottleneck è il cellulare: se te lo fregano devi ripartire tutto da capo.

Stesso discorso per google validator. Filtro a due passaggi ma il secondo fa fulcro sul generatori di codici del cellulare, che deve essere sempre teco.

La questione più ricorrente è controllare che un indirizzo email sia morfologicamente valido.

Ecco un sito ecumenico!

Ecco l’espressione regolare di perl e python che controlla che una mail sia valida;sempre un passo avanti.

(?:(?:rn)?[ t])*(?:(?:(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t]
 )+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:
 rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(
 ?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[
 t]))*"(?:(?:rn)?[ t])*))*@(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-
 31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*
 ](?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+
 (?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:
 (?:rn)?[ t])*))*|(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z
 |(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)
 ?[ t])*)*<(?:(?:rn)?[ t])*(?:@(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:
 rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[
 t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)
 ?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t]
 )*))*(?:,@(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[
 t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*
 )(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t]
 )+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*))*)
 *:(?:(?:rn)?[ t])*)?(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+
 |Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:r
 n)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:
 rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t
 ]))*"(?:(?:rn)?[ t])*))*@(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31
 ]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](
 ?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?
 :(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?
 :rn)?[ t])*))*>(?:(?:rn)?[ t])*)|(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?
 :(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?
 [ t]))*"(?:(?:rn)?[ t])*)*:(?:(?:rn)?[ t])*(?:(?:(?:[^()<>@,;:\".[]
 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|
 \.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>
 @,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"
 (?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)?[ t])*))*@(?:(?:rn)?[ t]
 )*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\
 ".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?
 :[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[
 ]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*))*|(?:[^()<>@,;:\".[] 00-
 31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|\.|(
 ?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)?[ t])*)*<(?:(?:rn)?[ t])*(?:@(?:[^()<>@,;
 :\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([
 ^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\"
 .[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[
 ]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*))*(?:,@(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".
 [] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]
 r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[]
 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]
 |\.)*](?:(?:rn)?[ t])*))*)*:(?:(?:rn)?[ t])*)?(?:[^()<>@,;:\".[] 
 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|\
 .|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,
 ;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|"(?
 :[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)?[ t])*))*@(?:(?:rn)?[ t])*
 (?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".
 []]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[
 ^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]
 ]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*))*>(?:(?:rn)?[ t])*)(?:,s*(
 ?:(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\
 ".[]]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(
 ?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[
 ["()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)?[ t
 ])*))*@(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t
 ])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*)(?
 :.(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|
 Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*))*|(?:
 [^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".[
 ]]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)?[ t])*)*<(?:(?:rn)
 ?[ t])*(?:@(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["
 ()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)
 ?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>
 @,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*))*(?:,@(?:(?:rn)?[
 t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,
 ;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:rn)?[ t]
 )*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\
 ".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*))*)*:(?:(?:rn)?[ t])*)?
 (?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[["()<>@,;:\".
 []]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)?[ t])*)(?:.(?:(?:
 rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z|(?=[[
 "()<>@,;:\".[]]))|"(?:[^"r\]|\.|(?:(?:rn)?[ t]))*"(?:(?:rn)?[ t])
 *))*@(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])
 +|Z|(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*)(?:
 .(?:(?:rn)?[ t])*(?:[^()<>@,;:\".[] 00-31]+(?:(?:(?:rn)?[ t])+|Z
 |(?=[["()<>@,;:\".[]]))|[([^[]r\]|\.)*](?:(?:rn)?[ t])*))*>(?:(
 ?:rn)?[ t])*))*)?;s*)

 

doppia diretta HD

Sabato scorso con due macchine di streaming, due profili admin, due computer mac a casa mia abbiamo fatto il broadcasting della conferenza stampa di Spalletti su facebook e youtube. Il segnale è arrivato pochi minuti prima che il mister comparisse: thriller da cardiopalmo.

Su youtube è andato il segnale in HD. In questo senso Open Broadcaster (OBS) è meno greedy di risorse di Wirecast.

Una bella soddisfazione.

l’invadenza di Opera

anche opera ha lo stesso “vizietto”

la chiave di registro che definisce il browser di default:

HKEY_CURRENT_USERSoftwareMicrosoftWindowsShellAssociationsUrlAssociationshttpUserChoice

può assumere valori:

  • FirefoxURL
  • ChromeHTML
  • Opera Stable
  • IE.HTTP

l’invadenza di google chrome

Un tempo c’era lynx. Poi NetScape. Quindi Mozilla. Poi Explorer. E Chrome che li ha fagocitati tutti.

L’installazione di Chrome ITA 60.0. qualcosa ha però esagerato.

Il programma si è comportato esattamente come faceva in tanto deprecato e vituperato Internet Explorer: ha associato tutti i protocolli http e https a sé stesso. Autoselezionandosi come browser predefinito.

Io voglio usarei Firefox, o al limite Opera: perché ora tutti i link si aprono con Chrome? GRR

La cosa mi fa imbufalire, e gli how-to in rete sono spesso discordanti.

La soluzione attendibile è illustrata nel video sotto: 
HKEY_CURRENT_USERSoftwareMicrosoftWindowsShellAssociationsUrlAssociationshttpUserChoice

in difesa della sinestesia

Possiamo vedere le onde radio? O i raggi ultravioletti? No, ma li sentiamo sulla pelle.

La sinestesia è un vicolo cieco, nel mondo di oggi. Non si incrociano più le esperienze sensoriali.
Musica a villa Ruffolo di Ravello, con vista sulla Costiera Amalfitana. Profumo di larice mentre scii. Il  bianco e nero della pineta di Vada.
Una cena, terrazza sul mare a Praslin con il vento tra le palme. Un concerto al parco archeologico di Vulci.
Esperienze coinvolgenti. Le ricordo bene anche se non avevo in mano lo smartphone. Ora lo avrei.
Tutto si mutua con telefonino: al concerto tutti lo sollevano. Al ristorante i commensali si scambiano le bacheche.

Di tutti i sensi, ne basta uno: la vista. E un pollice, ad esser precisi.

Tutte le nostre esperienze passano da questo scatolotto, indotte. Il famoso problema del dottor Molyneux (quello del cieco che riconoscerebbe, riacquistata la vista, una sfera da quanto il tatto gli avrebbe prospettato anni prima). Empirismo e innatismo si stanno riavvicinando, perché col cellulare siamo ovunque. Sappiamo tutto. E sappiamo tutto prima. Forse, come sostenevano i taoisti, gli opposti non sono antitetici ma solo complementari. E ci stiamo arrivando.

 

 

 

ferie a giugno

E’ stata una scommessa, ma tutto è andato per il meglio. Anzi – come direbbe il compianto Paolo Villaggio -  ho scelto di andare in vacanza nel mese più caldo degli ultimi 150 anni.

Mi sono innamorato ancora di più delle Marche, una regione splendida in cui gli impianti urbanistici di molti borghi sono giunti a noi direttamente dal rinascimento; anche se è desolante attraversare l’Italia e vedere sterpaglie per chilometri come il Texas.

In particolare sono stato risucchiato dalla passione per le bandiere arancioni: i borghi più belli d’Italia. Nelle Marche ce ne sono molti, e alla fine appaiono così armoniosi da sembrare finti. In particolare Urbino, bellissima è un po’ inflazionata.